Questo sito utilizza cookie per agevolare la navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Informazioni importanti


In questa sezione è possibile consultare molti documenti informativi. 
Esempio: Cosa fare in caso di...MALTRATTAMENTI

E' possibile effettuare una donazione sicura con due click!

Immettere l'importo

5x1000
Dal quotidiano la Prealpina un articolo che ci riguarda:

articolo di giornale
loghi associazioni animaliste

Comunicato Stampa 29 NOVEMBRE 2018


Ennesima modifica a favore della caccia della Legge Regionale 26/93.

 I consiglieri regionali "calibro 12" senza scrupoli. 

Gravi i profili di incostituzionalità delle norme approvate.

Poche Leggi regionali hanno subito tante modifiche quanto la Legge 26/93 “Norme per la protezione della fauna selvatica e per la tutela dell'equilibrio ambientale e disciplina dell'attività venatoria”: oltre 30 le modifiche che hanno in 26 anni svilito i contenuti che riguardavano la tutela del patrimonio faunistico, molte in contrasto alla Legge nazionale n.157 del 1992 che impone anche il recepimento di tutte le direttive internazionali. 

Nel tempo sono andati di fatto persi alcuni dei principi cardine per rendere sostenibile la caccia con la conservazione della fauna e l’ambiente, come ad esempio tra le più importanti, il legame del cacciatore al territorio e la forma esclusiva di caccia, senza dimenticare ancora ad oggi, la mancata approvazione di una pianificazione faunistica regionale, presupposto che la legge nazionale impone, affinchè l’esercizio venatorio possa essere consentito. 

Con le nuove modifiche approvate mercoledì scorso, le scriventi Associazioni denunciano l’ennesimo regalo alla lobby dei cacciatori più estremisti, in una Regione la Lombardia, dove è presente una delle aree nazionali più critiche per il persistente bracconaggio (in particolare la fascia prealpina tra la provincia di Bergamo e Brescia), a cui si aggiunge una sempre più scarsa presenza di vigilanza, e un territorio a grande concentrazione antropica con progressiva perdita di aree naturali.

Un “regalino” prenatalizio dopo l’ennesima figuraccia sul tema della caccia in Deroga e della cattura con reti di piccoli uccelli selvatici, i quali rinchiusi in minuscole gabbie sarebbero stati destinati come richiami vivi.